La diversità è una questione di sguardi

Tempo fa, neanche tanto, su un quotidiano nazionale, mi è capitato di leggere, in quella che è solitamente la rubrica dove si accolgono le confessioni di quei lettori che affidano alla parola scritta il suono delle loro verità, il “grido silente”  di Francesca, una donna che a 42 anni, una laurea e delle competenze, non riusciva a trovare lavoro perché il suo viso era stato deturpato dalla manovra di un “forcipe” durante il parto.
Da allora ha combattuto sia contro il ghigno privo di tatto dei bambini che contro quel cinismo pieno di boria degli adulti, sempre pronti a sentirsi meglio degli altri.

Non è certo un segreto custodito da Pulcinella quello che nota come, anche le ultime canaglie, sentono di meritare il Nobel per il sol fatto che esistono, ma tant’è, siamo nel 2018 e questi fenomeni da circo funzionano meglio degli elefanti volanti.

Francesca ha dovuto combattere e continua la sua guerra contro l’involuzione di una società che basa il Q.I. sull’ostentazione della forma piuttosto che sulla sostanza dell’odore. Già, l’odore, inteso in senso pieno, quello che dà fattezza umana, che appartiene a tutti noi, che vive grazie alla pelle.

E cosa sono gli uomini se non derma e carne?
L’odore in senso metafisico, che in questo mio dire va ben oltre la pura profumazione, è quello che lasciamo dopo che siamo andati via.

Ricercato in un bel ricordo che ci racconta per quello che siamo.

Nessuno dovrebbe girare lo sguardo quando Francesca, con tutte le sue competenze, esce dalla porta dell’ennesimo colloquio con un diniego tra i denti ed una sconfitta nello stomaco. Credo che il rifiuto del diverso sia la vera bruttezza ma questa società non contempla una z nell’equazione xy, sia mai dovesse perdere il controllo dell’abitudine e sconvolgere, con una rivoluzione, i propri piani.

2 Comments

  • Ornella

    3 Gennaio 2018 at 22:24

    Ci troviamo gli uni di fronte agli altri privi di qualsiasi voglia di conoscere il diverso che non ci accomuna perché troppo abituati all’omologazione di sguardi, parole e significati.

    Rispondi

Lascia un commento